Testi canzoni

ADESTE FIDELES

Adeste fideles
laeti triumphantes
venite venite in bethleem
natum videte regem angelorum
venite adoremus
venite adoremus
venite adoremus dominum.
En grege relicto
humiles ad cunas
vocati pastores adproperant
et nos ovanti gradu festinemus
venite adoremus
venite adoremus
venite adoremus dominum.

BELLE ROSE DU PRINTEMPS

Que fait tu là bas,
ma jolie bergere.
Belle rose, belle rose
du printemps
Combien prend tu
pour ton salaire.
Belle rose, belle rose
du printemps

BOZZETTO SICILIANO

1.
Lu suli si nni va,
domani torna.
Si mi nni vaju jò, (j’u)
nun tornu cchiùi.
2.
(Annacata)
E bbò, bbò e bbò,
ora vèni lu patri tò
e ti porta la siminzina,
la rosa marina e lu basilicò.
Bbò, bbò e bbò,
dormi bedda, fai bbò.
Bbò, bbò e bbò,
dormi sciatu di la mamma tò!
3.
E la pampina de la ‘liva,
di la ‘liva la pampina.
Veni lu ventu, la cutulìa,
la cimiddìa, cascàri la fa.

SIAM VENUTI A CANTAR MAGGIO

Siam venuti a cantar maggio
qui sull’uscio della sposa,
ma la sposa è andata via:
è nel campo a coglier fiori.
Ne ha raccolti una paniera
per portarli a primavera,
primavera prima e poi
canterem maggio per voi.
Ecco il ridente maggio:
ecco quel nobil mese
che viene a dare imprese
ai nostri cuori.
E’ carico di fiori,
di rose e di viole;
risplende con il sole
ogni riviera.

Ragazzette pomposelle
che di festa vi vestite,
vi mettete sottanelle
di tre sorte ricamate;
di tre sorte, di tre colori:
ecco maggio, rose e fiori.
Ecco maggio benvenuto
pure cucco l’ha saputo,
l’ha saputo giù pe’l piano
do’ che spiga l’orzo e il grano,
do’ che spiga l’orzarella:
ecco maggio, bambina bella.
Ecco chiuso il nostro canto
s’era aperto il paradiso,
e con lacrime di pianto
si congiunge gioia e riso.
E con festa ed argomento
cambio sòno ed istrumento.

Alla barba di contadino
s’è mangiato l’uva bianca,
se s’accorge che la manca
chi sa quante ce ne dà!
Alla barba di contadino
s’è mangiato l’uva nera,
se ci piglia sulla sera
chi sa quante ce ne dà!
Siam marinari
evviva il mar,
siam marinari
evviva, evviva
siam marinari
evviva le onde del mar!

ERA SERA…

Era sera di un giorno di festa,
la mia bella mi stava accanto;
mi diceva: “io t’amo tanto,
sì, te lo giuro davanti ai tuoi pié!”
I tuoi occhi son neri e son belli,
i tuoi capelli sono di oro,
per te vivo e per te moro:
“sì te lo giuro davanti ai tuoi pié!”
Dammi un riccio dei tuoi capelli
che li serbo per tua memoria;
là, sul campo della vittoria,
i tuoi capelli li voglio baciar!

FIORI DELLA CANZONE ROMANA

La la la la la ……..
E’ vero so’ quattr’anni, si Lucia,
Che stamo qui_a guardasse solamente,
Ma si tu stassi ‘nde li panni mia
Tu nun diressi che nun me fa gnente.
Va be’ m’hai detto un prospero
Che ce vo’ a di’ sposamo
annamo ar Campidojo
annamo in chesa annamo!
Me c’e’ ‘na campanella
Propio vicino a me che quanno sona dice:
Co che? Co che? Co che
Tanto pe’ canta
Perchè me sento un friccico ner core
Tanto pe’ sogna
Perchè ner petto me ce naschi ‘n fiore
Fiore de lilla`
Che m’ariporti verso er primo amore
Che sospirava le canzoni mie
E m’aritontoniva de bucie.

IMPROVVISO

L’ombra che viene azzurra le colline,
giù nella valle si chiudono le rose.
Chi spegne il giorno conosce bene il sole,
chi spegne il giorno colora i nostri sogni.
Dalle contrade si mandano la voce,
tutta la valle racconta il nostro bene.
L’ombra che viene azzurra le colline,
chi spegne il giorno conosce i nostri sogni.
L’ombra che viene oh…..

LA MULA DE PARENZO

La mula de Parenzo
l’à messo su botéga:
de tutto la vendeva
fora che’l bacalà.
(e perché non m’ami più?)
La me’ morosa vecia
la tègno de riserva,
e quando spunta l’erba
la mando a pascolar.
(e perché non m’ami più?)

Tutti mi dicono bionda
ma bionda io non sono:
porto i capelli neri,
neri come il carbon.
(e perché non m’ami più?)
Se ‘l mare fosse tòcio
e i monti de polenta:
ohi mamma che tociàde!
Polenta e bacalà.
(e perché non m’ami più?)
… polenta e bacalà!

MONTAGNE ADDIO!

Cade lenta già la sera
sulle cime incantate
ed or lassù
solo il vento può cantare,
sol la luna arrampicar.
Montagne addio,
addio vallate,
io parto, addio,
non so se tornerò.
Qui lascio il cuor,
qui lascio la mia vita,
montagne addio,
non vi scorderò!

PASTORI

La prima ninna nanna
la cantano i pastori,
la notte è silenziosa,
si muove appena il vento.
È un canto da lontano,
è musica dei prati,
i grilli si nascondono,
la luna è come il sole.
(ritornello)
E cantano i pastori,
e cantano la pace.
Si fermano le stelle,
nella grotta il vento tace.
Il velo di Maria
profuma di rugiada,
le mani di Giuseppe
proteggono l’amore.
È nato nella grotta
Il Re del tempo nuovo,
è nato il Re dei poveri,
è nata la speranza.
(ritornello)

QUAND JE BOIS

(soprani)
Quand je bois du vin clairet,
ami tout tourne, tourne, tourne, tourne,
aussi désormais je bois anjou ou arbois.
Chantons et buvons, à ce flacon faisons la guerre,
Chantons et buvons, les amis, buvons donc!

(contralti)
Le bon vin nous a rendus gais, chantons,
oublions nos peines, chantons.
En mangeant d’un gras jambon,
a ce flacon faisons la guerre!

(tenori)
Buvons bien, là buvons donc
a ce flacon faisons la guerre.
En mangeant d’un gras jambon,
a ce flacon faisons la guerre!

(bassi)
Buvons bien, buvons mes amis,
trinquons, buvons, vidons nos verres.
En mangeant d’un gras jambon,
a ce flacon faisons la guerre!

SANMATIO

Co la regina de San Matio
la vole l’acqua rento ‘l so castelo,
ma che la porta el capitano,
quel che comanda la cita’ de Giano.
Co la regina de San Matio
la vole l’acqua rento ‘l so castelo,
ma che la porta el capitano,
quel che comanda la cita’ de Giano.
Ma’l capitano ga za l’amore,
la ze la fiola de Lilano Belo;
el se la porta nel so castelo
e l’indormenza co’ le serenate
Le serenate del capitano
le sveja tuta la cita’ de Giano.
Ma la regina no’ za contenta:
la vole l’acqua de la Valle Scura.
El capitano el ga paura,
el ga paura de la Busa Fonda.
La Busa Fonda, la Busa Nera,
el capitano belo el se dispera.
El se dispera el capitano,
quel che comanda la cita’ de Giano.
Ma la regina no’ ze contenta:
la vole l’acqua rente l’erba menta.
Co’ l’erba menta, co’ l’erba amara,
la Busa Fonda la diventa ciara,
col primo sole de la mattina,
la prima onda ze de l’acqua fina.
Col primo sole, la prima onda,
co l’acqua fina la diventa bionda,
col primo sole de la matina
el capitano trova l’acqua fina.
Col primo sole, la prima onda,
co l’erba menta la diventa bionda,
col primo ciaro de la matina
el capitano beve l’acqua fina.
Ma la regina no’ ze contenta:
la vole l’acqua rento ‘l so castelo;
che ghe la porta, col capitano,
la vol la fiola de Liliano Belo.
Lilano Belo dal campo tondo
ga tanti fiori che profuma ‘l mondo,
ma’l capitano li porta via,
cosi’ la storia ‘desso ze finia.
La ze la storia del capitano,
quel che comanda la cita’ de Giano.
La ze la storia de la regina
che la voleva tuta l’acqua fina.
Ma’l capitano la porta via,
cosi’ la storia ‘desso ze finia.
Cosi’ la storia la ze finia

STELUTIS ALPINIS

Se tu vens cè sù ta’ cretis,
là che lôr m’àn soterât,
al è un splàz plen di stelutis:
del miò sanc l’è stât bagnât.
Par segnâl une crosute
je scolpide li tal cret.
Fra chês stelis nas l’arbute,
sot di lôr jo duâr cujet.
Cjôl su, cjôl une stelute:
je ‘a ricuar dei nostri ben
tui darâs ‘ne bussadute,
e po plàtile tal sen.
Quand che a cjase tu sês sole
e di cûr tu preis par me.
Il miò spirt a tôr si svole:
jo e la stele sin cun te.

TUTTI MI DICON MAREMMA

Tutti mi dicon Maremma, Maremma
e a me mi pare una Maremma amara;
l’uccello che ci va perde la penna,
io ci ho perduto una persona cara.
Chi va in Maremma e lascia l’acqua buona
perde la dama e piu’ non la ritrova;
chi va in Maremma e lascia la montagna,
perde la dama ed altro non guadagna.
Sia maledetta Maremma, Maremma
sia maledetta Maremma e chi l’ama.
Sempre mi trema il cuor quando`ci vai,
ed ho paura che non torni mai.